arrowTorna al blog

Yarrah utilizza pollo dal “valore aggiunto”

Come puoi essere sicuro che gli animali lavorati nel cibo abbiano avuto davvero una vita migliore? C’è solo un modo per scoprirlo: andare a vedere di persona. Per questo motivo Arthur Hartman, il nostro responsabile della qualità, si reca personalmente dai nostri fornitori. In questo modo controlliamo che gli animali conducano davvero una vita migliore. Questa volta Arthur, in compagnia della stagière Tessa de Graaf, dell’università di scienze applicate CAH Vilentum a Dronten, hanno visitato due fattorie appartenenti all’associazione olandese dei fornitori “Biomeerwaardekip“. Un biomeerwaardekip, ossia un pollo bio dal valore aggiunto, è un’iniziativa degli allevatori per dare un “valore aggiunto” alla gallina ovaiola biologica.

La visita

La giornata è iniziata con la visita al primo allevatore “biomeerwaarde”, membro del consiglio dell’associazione Biomeerwaardekip: Thomassen di Overberg. Nei Paesi Bassi ci sono 130 fattorie biologiche. Tessa: “Abbiamo esaminato la stalla, i polli e controllato il cibo. Il controllo è consistito nell’analisi delle condizioni di vita, dello stato di salute e del cibo dei polli”. Dhr. Thomassen è una fattoria biologica e conta 15.000 galline Novogen, suddivise in 5 stalle (3.000 galline/stalla). Al loro interno ci sono 6 galline per metro quadrato e all’esterno 2.500 galline per ettaro (= 4 metri per gallina). Il 20% del cibo dei polli, biologico al 100%, proviene direttamente dalle vicinanze, questo è un requisito della KAT. L’acronimo KAT sta per “Verein für kontrollierte alternative Tierhaltung” (Associazione per forme controllate di allevamenti alternativi). Nel 1995 è stata fondata la KAT con l’obiettivo di eliminare le etichette fuorvianti delle uova. Da allora la KAT è diventato l’ente più importante per l’origine e la tracciabilità delle uova da allevamenti alternativi in Germania e in altri paesi UE.

La seconda visita è avvenuta alla fattoria biomeerwaarde Van den Brandhof con le sue 12.000 galline Lohmann LSL Brown. Queste galline ovaiole arrivano alla fattoria quando hanno all’incirca 18 settimane. Allora iniziano a deporre le uova. Dopo circa 14 mesi di attività, vengono macellate. Il cibo costa di più che raccogliere le uova. Le galline sono catturate al buio, in questo modo rimangono tranquille e subiscono molto meno stress. Dopo la cattura vengono introdotte nei camion. Anche questo viaggio deve rispondere a determinare regole sul benessere animale: il tragitto verso il macello può avere una lunghezza massima di 120 km.

In passato invece si guardava solamente all’uovo e la gallina diventava un prodotto di scarto. Ora viene utilizzato tutto il pollo dal valore aggiunto e non viene gettato nulla.

Reazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cibo per animali sano e biologico

Carne di animali che hanno fatto una vita migliore

Ingredienti puri e privi di pesticidi o OGM.

Valutazione clienti

Rating star 4.9 su 5

134 recensioni

Comodità di pagamento

    

La differenza positiva