Yarrah utilizza pollo dal “valore aggiunto”

Come puoi essere sicuro che gli animali lavorati nel cibo abbiano avuto davvero una vita migliore? C’è solo un modo per scoprirlo: andare a vedere di persona. Per questo motivo Arthur Hartman, il nostro responsabile della qualità, si reca personalmente dai nostri fornitori. In questo modo controlliamo che gli animali conducano davvero una vita migliore. Questa volta Arthur, in compagnia della stagière Tessa de Graaf, dell’università di scienze applicate CAH Vilentum a Dronten, hanno visitato due fattorie appartenenti all’associazione olandese dei fornitori “Biomeerwaardekip“. Un biomeerwaardekip, ossia un pollo bio dal valore aggiunto, è un’iniziativa degli allevatori per dare un “valore aggiunto” alla gallina ovaiola biologica.

La visita
La giornata è iniziata con la visita al primo allevatore “biomeerwaarde”, membro del consiglio dell’associazione Biomeerwaardekip: Thomassen di Overberg. Nei Paesi Bassi ci sono 130 fattorie biologiche. Tessa: “Abbiamo esaminato la stalla, i polli e controllato il cibo. Il controllo è consistito nell’analisi delle condizioni di vita, dello stato di salute e del cibo dei polli”. Dhr. Thomassen è una fattoria biologica e conta 15.000 galline Novogen, suddivise in 5 stalle (3.000 galline/stalla). Al loro interno ci sono 6 galline per metro quadrato e all’esterno 2.500 galline per ettaro (= 4 metri per gallina). Il 20% del cibo dei polli, biologico al 100%, proviene direttamente dalle vicinanze, questo è un requisito della KAT. L’acronimo KAT sta per “Verein für kontrollierte alternative Tierhaltung” (Associazione per forme controllate di allevamenti alternativi). Nel 1995 è stata fondata la KAT con l’obiettivo di eliminare le etichette fuorvianti delle uova. Da allora la KAT è diventato l’ente più importante per l’origine e la tracciabilità delle uova da allevamenti alternativi in Germania e in altri paesi UE.

La seconda visita è avvenuta alla fattoria biomeerwaarde Van den Brandhof con le sue 12.000 galline Lohmann LSL Brown. Queste galline ovaiole arrivano alla fattoria quando hanno all’incirca 18 settimane. Allora iniziano a deporre le uova. Dopo circa 14 mesi di attività, vengono macellate. Il cibo costa di più che raccogliere le uova. Le galline sono catturate al buio, in questo modo rimangono tranquille e subiscono molto meno stress. Dopo la cattura vengono introdotte nei camion. Anche questo viaggio deve rispondere a determinare regole sul benessere animale: il tragitto verso il macello può avere una lunghezza massima di 120 km.

In passato invece si guardava solamente all’uovo e la gallina diventava un prodotto di scarto. Ora viene utilizzato tutto il pollo dal valore aggiunto e non viene gettato nulla.


Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visualizza le nostre informative sulla privacy

‹ back

L'87% dei proprietari nota un risultato

dopo il passaggio al biologic

“Door beter opneembare eiwitten en het ontbreken van kunstmatige geur- en smaakstoffen verdwijnen klachten meestal al naar een maand.”
Wim de Leeuw, Dierenarts in Valkenburg

Dit zit er in ons voer

  • Vee en gevogelte dat genoeg ruimte heeft gehad en is gevoerd met biologisch voer.
  • Op een duurzame manier gevangen vis
  • Groenten en natuurlijke bijproducten zoals Aloë Vera en Omega 3 © 6

Dit zit NIET in ons voer

  • ×
    >Hormonen en antibiotica
  • ×
    >Herbiciden en pesticiden
  • ×
    >Kunstmatige kleurstoffen-, aroma's en andere toevoegingen ×
  • Minder jeuk

  • Minder allergische
    klachten

  • Betere vacht
    en tanden

  • Lagere kans op nier
    en leverschade

img

We testen ons voer niet in grote kille kennels. Sterker nog, we laten onze eigen en andermans huisdieren gewoon lekker thuis proeven.

img

We vinden het niet meer van deze tijd om plofkippen te werken en vlees uit megastallen te halen.

Verkrijgbaar bij:

en online:

Laden...