Riconoscere, risolvere e prevenire i disturbi dentali nel cane o nel gatto

Dalla placca dentale al tartaro, dai denti spezzati alle infiammazioni. Circa il sessanta percento dei cani e gatti oltre il terzo anno di età soffre di problemi ai denti. Come si possono riconoscere, risolvere e prevenire i disturbi dentali nel cane o nel gatto? Te lo spieghiamo subito.

Placca dentale

Quasi tutti i problemi si manifestano gradualmente e lo stesso vale per i disturbi dentali nei cani e nei gatti. Spesso iniziano con la comparsa della placca dentale. Si presenta come una pellicola bianca o gialla visibile sui denti. È un sottile strato composto da batteri, calcio e fosforo che si forma a causa di saliva e cibo. Prevenire la placca dentale è semplice, poiché è sufficiente spazzolare regolarmente i denti del cane o gatto.

Tartaro

Il tartaro non è altro che placca calcificata e si presenta come uno strato giallo/marrone (duro) sui denti. Spesso, nei punti in cui si è accumulato molto tartaro, le gengive risultano meno vascolarizzate. Non è possibile rimuovere il tartaro spazzolando, quini occorrerà prendere un appuntamento con il veterinario, che eseguirà la pulizia praticando un’anestesia.

Le conseguenze della placca dentale e del tartaro

Se sui denti del tuo cane o gatto si accumulano placca e tartaro, possono comparire carie o infiammazioni a carico delle gengive, che rischiano di estendersi fino all’osso mascellare. Queste infiammazioni possono rendere i denti fragili e soggetti a rottura, nonché causare tumori. Il cane o gatto proverà un intenso fastidio e avrà difficoltà a mangiare.

Oltre ai disturbi dentali, una cattiva salute orale può determinare problemi a carico di reni, fegato e cuore. Ecco perché prevenire i disturbi dentali nei cani e nei gatti è di vitale importanza!

Attenzione ai giocattoli

Oltre alla formazione di placca e tartaro, esistono altri disturbi dentali che possono essere causati dall’uso di giocattoli sbagliati. Nei cani che giocano con le palline da tennis, può succedere che i denti si logorino, portando alla necrosi del nervo e quindi dell’intero dente. Le palline di gomma sono alternative migliori per il tuo cane, poiché non danneggiano in alcun modo i suoi denti. Con i rami occorre invece fare attenzione alle schegge, che potrebbero rimanere incastrate nello stomaco o nell’intestino.

Come posso riconoscere i disturbi dentali nel mio cane o gatto?

Se un cane o un gatto provano dolore, non lo danno a vedere molto facilmente. Inoltre, non si lasciano guardare in bocca molto volentieri. Questo rende i disturbi dentali alquanto difficili da individuare. Tuttavia, esistono alcuni segnali da non sottovalutare, come ad esempio un animale che presenta una salivazione abbondante, mastica solo da un lato o ingoia i bocconi interi. Anche la presenza di alitosi può indicare disturbi dentali o una cattiva igiene orale. L’alito cattivo in un animale (anziano) non è qualcosa di ovvio. Se il tuo cane o il tuo gatto rifiutano il cibo, i disturbi dentali sono già in uno stadio molto avanzato ed è necessario fissare un appuntamento con il veterinario.

Prevenire i disturbi dentali nel cane o nel gatto

I disturbi dentali dei cani e dei gatti vengono spesso sottovalutati, ma osservandone le conseguenze, ci renderemo presto conto dell’importanza di una corretta igiene orale. Oltre a fare attenzione ai giocattoli, l’unico modo per evitare al tuo cane o gatto vari problemi dentali consiste nello spazzolare i suoi denti regolarmente (preferibilmente ogni giorno). Puoi farlo con un semplice spazzolino da denti. Per scoprire come procedere nel dettaglio, continua a leggere l’articolo. È consigliabile inoltre fare effettuare un controllo annuale al veterinario per affrontare tempestivamente eventuali disturbi dentali.

Alimenti che fanno bene ai denti

L’alimentazione riveste un ruolo importante nella salute orale del tuo animale domestico. È buona abitudine offrire regolarmente al tuo cane o gatto del cibo secco, poiché rafforza i denti. Fai inoltre attenzione agli ingredienti: i cibi che contengono zucchero fanno male ai denti. Benché alcuni cibi siano migliori di altri, purtroppo non esistono alimenti in grado di prevenire i disturbi dentali del tuo cane o gatto: il cibo può al massimo influire sull’entità dei problemi. I colli di pollo di Yarrah svolgono un’azione abrasiva sui denti, contribuendo così a rimuovere la placca dentale. Un’alimentazione corretta e una buona igiene orale rappresentano in definitiva l’approccio migliore.

Come si riconosce una buona salute orale?

Una buona salute orale si riconosce da denti bianchi e gengive rosa e ben vascolarizzate. Un cane adulto ha 12 incisivi, 4 canini, 16 premolari e 10 molari. Un gatto adulto ha 12 incisivi, 4 canini, 10 premolari e 4 molari. All’età di tre mesi, i cuccioli di cane e di gatto cambiano i denti da latte con quelli permanenti.

Come spazzolare i denti del cane e del gatto

1. Comincia ad abituarlo: tocca il muso dell’animale, partendo dalla mascella. Se va tutto bene, offri una ricompensa. Scegli uno snack salutare per cani o per gatti.
2. Aumenta il contatto e afferra delicatamente il muso. Se non funziona e il cane o gatto si spaventa, fai un passo indietro e ritenta il giorno successivo.
3. Solleva il labbro e osserva i denti. All’inizio, limitati a guardare e ripeti l’operazione due o tre volte al giorno.
4. Se il passaggio 3 va a buon fine, è arrivato il momento di spazzolare i denti. Strofina prima i denti con il dito.
5. Anche questa operazione è andata bene? Prendi lo spazzolino e strofina i denti del tuo animale domestico una volta al giorno. Scegli uno spazzolino piccolo e morbido e non tenerlo solo dallo stelo, ma appoggia anche un dito dietro le setole.
6. Premia il tuo amico a quattro zampe con qualcosa di buono o divertente per rendere piacevole questa nuova pratica.

Consiglio: non iniziare a spazzolare i denti del tuo cane o del tuo gatto solo quando sarà anziano. Prima comincerete, più bravi diventerete entrambi, tenendo lontano il maggior numero possibile di disturbi dentali.

Leggi anche:

Da cosa si riconosce il cane sano?
Come puoi sapere se il tuo gatto è in buona salute?


Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono d'accordo con l'informativa sulla privacy i La informativa sulla privacy descrive cosa accade alle informazioni che ci fornisci. Condividendo le tue informazioni con noi, acconsenti all'utilizzo delle stesse nelle modalità descritte nella nostra informativa sulla privacy. Periodicamente potremmo apportare modifiche o aggiornamenti alla presente informativa sulla privacy. La versione più recente si trova sul nostro sito. Leggi l'intera informativa sulla privacy qui .
‹ back

L'87% dei proprietari nota un risultato

dopo il passaggio al biologic

“Door beter opneembare eiwitten en het ontbreken van kunstmatige geur- en smaakstoffen verdwijnen klachten meestal al naar een maand.”
Wim de Leeuw, Dierenarts in Valkenburg

Dit zit er in ons voer

  • Vee en gevogelte dat genoeg ruimte heeft gehad en is gevoerd met biologisch voer.
  • Op een duurzame manier gevangen vis
  • Groenten en natuurlijke bijproducten zoals Aloë Vera en Omega 3 © 6

Dit zit NIET in ons voer

  • ×
    >Hormonen en antibiotica
  • ×
    >Herbiciden en pesticiden
  • ×
    >Kunstmatige kleurstoffen-, aroma's en andere toevoegingen ×
  • Minder jeuk

  • Minder allergische
    klachten

  • Betere vacht
    en tanden

  • Lagere kans op nier
    en leverschade

img

We testen ons voer niet in grote kille kennels. Sterker nog, we laten onze eigen en andermans huisdieren gewoon lekker thuis proeven.

img

We vinden het niet meer van deze tijd om plofkippen te werken en vlees uit megastallen te halen.

Verkrijgbaar bij:

en online:

Laden...